Panzerotti pugliesi

Quando da ragazzina andavo in Puglia, ospite della mia amica di una vita Daniela, non c’era giorno che non facessimo un salto al Canale di Pirro per mangiare i mitici panzerotti pugliesi. Da allora tanti ne ho mangiati, li adoro, ma quelli mi sono rimasti nel cuore e me li ricordo ancora ora nonostante sia passato qualche annetto…

A Milano ci sono tanti posti dove mangiare i panzerotti, uno in particolare è diventato ormai un’istituzione tanto che, in qualsiasi giorno dell’anno e a qualsiasi ora, è necessario fare una lunga coda per conquistarsi l’agognato street food.

Non avevo mai provato a farli, in genere in famiglia “la domenica è pizza” , ma mio figlio Filippo ne va letteralmente matto e quindi ho deciso di prepararli a casa grazie ad una ricetta che arriva direttamente dalla Puglia.

Per essere la prima volta sono abbastanza soddisfatta, se il risultato che vedete vi piace, provate anche voi; e se avete suggerimenti per migliorare scrivetemi!

panzerotti pugliesi presentazione_4 gourmama

Ingredienti: per circa 11 panzerotti

per la pasta:

  • 250 gr di farina 00
  • 250 gr di semola rimacinata di grano duro
  • 12 gr di sale
  • 1 cucchiaino da caffè di zucchero
  • 180 ml di acqua tiepida
  • 130 ml di latte
  • 2 cucchiai di olio EVO
  • 13 gr di lievito di birra fresco

per il ripieno:

  • 250 gr di mozzarella 400
  • 100 gr di passata di pomodoro 160
  • Sale fino q.b.

per friggere:

  • abbondante olio
  • 1 padella larga possibilmente di ferro
panzerotti pugliesi preparazione gourmama_1

Come fare i panzerotti pugliesi:

  1. Dosare le farine e trasferirle in un recipiente con il sale
  2. Sciogliere il lievito con l’acqua tiepida (circa 30°) e lo zucchero e lasciare che si attivi (circa mezz’ora)
  3. Iniziare ad impastare versando un po’ per volta sulla farina l’acqua con il lievito e, quando è esaurita, continuare ad impastare unendo il latte a temperatura ambiente
  4. Unire infine l’olio ed impastare fino al suo completo assorbimento
  5. Formare con l’impasto una palla e adagiarla in una ciotola capiente di vetro unta d’olio, coprire con pellicola da cucina e riporre in luogo riparato; lasciare lievitare per almeno due ore o fino al raddoppio
  6. Riprendere l’impasto, lavorarlo qualche minuto e formare delle palline di circa 85 gr l’una, ne otterrete 11 con le dosi indicate
  7. Rivestire una leccarda o una teglia sufficientemente grande di carta forno e adagiarvi le palline d’impasto distanziate fra di loro; coprire con un canovaccio pulito o pellicola trasparente e fare lievitare per almeno due ore o fino al raddoppio
  8. Tagliare le mozzarelle a cubetti e riporle in uno scolapasta posizionato sopra una ciotola per raccogliere il siero (almeno due/tre ore)
  9. Trascorso il tempo necessario per far perdere acqua alle mozzarella, trasferire i cubetti in una ciotola, condirli con la passata di pomodoro e una presa di sale fino
  10. Preparate la spianatoia spolverandola con poca farina; riprendere le palline di impasto e iniziare la preparazione dei panzerotti
  11. Fare scaldare l’olio e portarlo alla temperatura di 180°
  12. Con l’aiuto del matterello, formare dei cerchi di circa 17 centimetri di diametro, mettere al centro un cucchiaio di ripieno e ripiegare il cerchio su se stesso per formare una mezzaluna; sigillare bene i bordi, spingere il bordo leggermente verso l’interno e schiacciarlo un pochino per chiuderlo perfettamente
  13. I panzerotti devono essere ben sigillati e fritti appena preparati per evitare che il ripieno inumidisca troppo la pasta causandone la rottura
  14. Tuffare le mezzelune in olio già caldo, girarli in modo che prendano colore da entrambi i lati e scolarli quando risultano ben dorati
  15. Scolare i panzerotti pugliesi, riporli su carta da cucina e servirli ben caldi.

panzerotti pugliesi presentazione dettaglio gourmama

Ti è piaciuta la mia ricetta?

Visita la mia pagina Facebook e seguimi, sarai aggiornato su tutte le novità pubblicate

Print Friendly, PDF & Email
Follow:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.