SCHIACCIATA ALL’UVA BIANCA E NERA

Ho scoperto la schiacciata all’uva tantissimi anni fa, un amico di mio padre ce ne faceva sempre omaggio al suo ritorno dalla Toscana, sua terra d’origine. E’ stato un amore a primo assaggio e da allora non perdo occasione per mangiarla o prepararla.

La mia schiacciata all’uva bianca e nera, non è proprio l’originale che prevede l’utilizzo dell’uva nera canaiola; purtroppo non sono riuscita a trovarla e così ho optato per questa versione bicolore., utilizzando uva moscato bianca e uva nera senza semi.

L’uva moscato rende la schiacciata all’uva bianca e nera molto aromatica, caratteristica che invece non appartiene all‘uva nera senza semi; d’altro canto quest’ultima rilascia in cottura i succhi degli acini avendo una buccia più sottile e quindi meno “resistente”.

Infine l’uva bianca moscato contiene i semi il cui gusto vagamente amarognolo ben si abbinano alla dolcezza della schiacciata data dall’uva stessa e dallo zucchero.

schiacciata all'uva bianca e nera impiattamento

Ingredienti: per una teglia da 30×40 cm

° 400 gr di farina 00 schiacciata all'uva bianca e nera stilllife
° 10 gr di lievito secco in polvere
° 5 gr di sale
° 70 gr di zucchero per l’impasto + 1/2 cucchiaino da caffè
° 80 gr di zucchero per il ripieno + 50 gr di zucchero per la superficie
° 30 ml di olio EVO per l’impasto + q.b. per spennellare
° 200 ml di acqua tiepida
° olio per la teglia q.b.
° 1/2 kg. di uva moscato bianca
° 1/2 Kg. di uva nera senza semi

Come fare la schiacciata all’uva bianca e nera:

1. Preparare la pasta:

– sciogliere il lievito secco nell’acqua tiepida unendo mezzo cucchiaino da caffè di zucchero (deve formare una schiuma in superficie)

– formare una fontana sul piano di lavoro o versare nel vaso della planetaria la farina setacciata, unire 70 gr di zucchero, mescolare bene e iniziare ad unire l’acqua con il lievito alternandola con l’olio; prima che tutta l’acqua sia assorbita, aggiungere il sale.

– impastare per una decina di minuti, formare una palla con l’impasto e mettere a lievitare per circa 1 ora (o finché non ha raddoppiato il suo volume) in un recipiente di vetro cosparso d’olio e coperto con pellicola da cucina.

2. Preparare la frutta: lavare l’uva accuratamente sotto l’acqua corrente, staccare tutti gli acini e farli asciugare su carta da cucina.

3. Ungere bene di olio la teglia.

4. Riprendere l’impasto e dividerlo a metà; stendere sottilmente una delle due metà con l’aiuto del matterello e rivestire la teglia.

5. Spennellare la superficie con un pochino di olio, posizionare metà degli acini di uva sopra la pasta alternando uva bianca e nera e cospargere di zucchero semolato (80 gr circa).

schiacciata all'uva bianca e nera preparazione_1

6. Preriscaldare il forno a 180°.

7. Stendere l’altra metà dell’impasto e posizionarla sopra l’uva avendo cura di sigillare bene i bordi.

8. Spennellare la superficie con un pochino di olio, posizionare i rimanenti acini di uva e distribuirvi sopra uniformemente 50 gr di zucchero.

9. Cuocere la schiacciata all’uva bianca e nera in forno per circa 45/50 minuti.

schiacciata all'uva bianca e nera dettaglio_1

Ti è piaciuta la mia ricetta?

Visita la mia pagina Facebook e seguimi, sarai aggiornato su tutte le novità pubblicate.

www.facebook.com/gourmama

Print Friendly, PDF & Email
Follow:

6 Comments

  1. ornella
    22 settembre 2017 / 18:50

    E’ favolosa!!!Complimenti ora mi scrivo la ricetta grazie mille!!!!!

    • 22 settembre 2017 / 18:52

      Grazie Ornella, sei gentilissima!!! Spero ti piaccia!!! A casa mia è durata qualche ora…… A presto! Monica

  2. 25 settembre 2017 / 15:28

    la adoro la schiacciata con l’uva a firenze ne mangiamo davvero tanta di sti tempi ed è davvero bella e particolare la tua versione!!!<3

    • 25 settembre 2017 / 17:20

      Grazie Elisabetta!!! Detto poi da una fiorentina…. 😉 :*

  3. 25 settembre 2017 / 15:51

    ps che bella la tua bio, anche io sono una lettrice sempre “affamata” e appassionata di musica classica!!!!

    • 25 settembre 2017 / 17:22

      Grazie! Abbiamo diverse cose in comune 🙂 Se passi da Milano scrivimi, facciamo un giro alla mia amata Scala!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *