ANELLI CON SUGO ROSSO DI CALAMARI E SEPPIE

Gli aromi ed il sapore degli anelli con sugo rosso di calamari e seppie ricordano l’Italia del Sud, il suo splendido mare, i suoi scogli, il sole.

Un primo piatto ricco e gustoso, equilibrato e sano: i carboidrati si uniscono alle proteine ad alto contenuto biologico di seppie e calamari ricchi di sali minerali, altamente digeribili e poveri grassi.

ANELLI CON SUGO ROSSO DI CALAMARI E SEPPIE

Ingredienti: per 4 persone

320 gr di pasta nel formato anelli (calamari)
400 gr di ciuffi di seppia ANELLI CON SUGO ROSSO DI CALAMARI E SEPPIE
300 gr di anelli di calamaro
700 ml di passata di pomodoro
1 cucchiaio di doppio concentrato di pomodoro
1 spicchio d’aglio
1 ciuffo di prezzemolo
200 ml di vino bianco secco
50 ml di olio EVO
peperoncino in polvere q.b.
sale, pepe q.b.

Preparazione:

Lavare gli anelli di calamaro ed i ciuffi di seppia ANELLI CON SUGO ROSSO DI CALAMARI E SEPPIE e asciugarli con cura. Tagliare gli anelli di calamaro più grandi a metà e dividere i ciuffetti di seppia in più parti a seconda della grandezza. Tagliare i tentacoli di seppia a pezzetti.

In una padella fare soffriggere lo spicchio d’aglio leggermente schiacciato e il peperoncino. Unire i molluschi preparati e far saltare a fuoco vivo per qualche minuto. Sfumare con il vino bianco e fare evaporare completamente l’alcool. Eliminare l’aglio.
Tritare il prezzemolo.

Unire la passata di pomodoro, il concentrato e regolare di sale. Cuocere per circa 30/40 minuti, il sugo deve asciugarsi ed i sapori si devono amalgamare ma attenzione a non cuocere troppo per evitare che i molluschi diventino gommosi. A metà cottura unire una parte di prezzemolo tritato.

Mettere una pentola d’acqua sul fuoco, portare ad ebollizione e cuocere la pasta scolandola al dente. Mentre la pasta cuoce, controllare il sugo e, se necessario, aggiungervi un paio di cucchiai di acqua di cottura della pasta.

Versare la pasta in padella, fare saltare qualche istante e servire gli anelli con sugo rosso di calamari e seppie cospargendo il prezzemolo tritato rimasto.

Print Friendly
Follow:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *